Regione Umbria

Umbertide - Eremo di Montecorona

Ultima modifica 14 gennaio 2020

Appena usciti da Umbertide, direzione Perugia, si arriva dopo 4 chilometri all´abbazia di San Salvatore di Montecorona . Sarebbe stato San Romualdo a fondare, nell´XI secolo, il monastero di San Salvatore di Monte Acuto. L´antica cripta seminterrata è di notevole valore artistico, storico e culturale. La chiesa superiore, a tre navate, fu consacrata nel 1105 e conserva resti di affreschi ed un coro ligneo di buona fattura. Interessante il campanile a pianta ottagonale e circolare, forse anticamente torre di difesa, con l´orologio recentemente restaurato.

Dall´abbazia si può salire ai 705 metri dell´Eremo, lungo una strada immersa nel verde di macchie di faggi e castagni e punteggiata da edicole votive. Anticamente l´Eremo era collegato all´Abbazia da un sentiero detto " la mattonata" , largo circa 2 metri e pavimentato a secco con blocchi di pietra arenaria, riaperto all´uso naturalistico per splendide passeggiate. L´Eremo è un antico monastero la cui costruzione risale al XVI secolo ad opera dei padri Camaldolesi e Coronesi.

Proseguendo sulla stessa strada si può ammirare l´antico borgo di Santa Giuliana , di grande suggestione, di cui non si conosce la data di costruzione (le prime notizie risalgono al 1362). Continuando verso Perugia si incontra il castello di Valenzina, di cui si hanno scarse notizie. A circa 3 chilometri, deviando verso Pierantonio, si può scorgere il castello di Ascagnano il cui nome sembra derivi dagli Ascani, posteri di Enea. Non si conosce la data della sua fondazione (le prime notizie risalgono al 1370).
 
 Riprendendo infine la strada del Pantano - direzione Perugia, si può ammirare in tutta la sua maestosità, su uno sperone a destra della strada, il castello di Antognolla, posto in territorio perugino ma vicinissimo a quello del Comune di Umbertide. Non è nota l´epoca di costruzione del primitivo castello, ma pare che in questo luogo esistesse, fin dal 1174, un monastero benedettino.

* * *

Leaving Umbertide, heading to Perugia, after 4 kilometers’drive you get to the Abbey of San Salvatore di Montecorona. San Romualdo is believed to have founded the monastery of San Salvatore di Monte Acuto. The ancient crypt is worth visiting due to its artistic, historical and culture value. The upper church, with its nave and two aisles, was consecrated  in 1105 and is home to some considerable fresco pieces and a remarkable wooden choir. The adjacent octagonal and circular tower, whose clock has been recently restored, used to be a watch-tower in the past.

Leaving the abbey and following the uphill road which winds through the beech- and chestnut-tree scrub, you can reach the Eremo, 705 meters above sea level. In ancient times the Eremo and Abbey were connected through a paved 2-meter wide  path called “la mattonata”, which has recently been re-opened to let the tourists enjoy nice walks.The Eremo is an ancient monastery which was built in the XVIth century by the Camaldolese and Coronese monks.

Driving further along the same road, you can admire Santa Giuliana, a picturesque village whose date of construction is still uncertain (the first records date back to 1362). Heading  further to Perugia you will come across the Valenzina Castle, on which we hardly have any record. About three kilometers further, turning off the main road to Perantonio, immersed in the lush countryside rises Ascagnano Castle, which was named after the Ascani, Enea’s descendants. Nothing is know about the date of its foundation (the first records date back to 1370).

Following the main road heading to Perugia, amid gently-rolling hills the Antognolla Castle dominates the valley. The exact date when the ancient castle was first erected is still unknown; however a Benedictine monastery is thought to have been built in this area as early as 1174. 

IMMAGINI DELL'EREMO DI MONTECORONA:

Eremo di Montecorona (1.263kB - PDF)

Il percorso

Umbertide - Eremo di Montecorona