Regione Umbria

Il Calendario 2013

Ultima modifica 15 gennaio 2020

L'ultima edizione del calendario è dedicata alla cucina locale

Dopo il calendario 2012, celebrativo dei vent’anni di vita dello storico lunario umbertidese, quest’anno si torna all’antico con un argomento sempre attuale e di grande interesse, la cucina della nostra terra, vista da tutte le angolazioni possibili e sulla base di una ricerca storica e documentale molto accurata. Ricette, antichi documenti, personaggi, aneddoti, tradizioni e usanze, il tutto condito, mai parola fu più appropriata, con le brillanti immagini a colori di Adriano Bottaccioli. Un calendario quindi per scoprire o riscoprire una delle eccellenze della nostra terra che, insieme alle bellezze ambientali e monumentali, costituisce uno dei canali principali di promozione culturale e turistica per la città. In tempi di crisi e di difficoltà economiche c’era anche la possibilità che il calendario arrivasse al capolinea. Abbiamo fatto invece la scelta di continuare, anche perché è da sempre nel cuore non solo degli umbertidesi, ma anche dei tanti nostri amici sparsi per l’Italia e per il mondo.

 Con l’auspicio che nel 2013 si avvii una fase di ripresa economica e sociale per il nostro Paese, lo inviamo ai nostri affezionati lettori con gli auguri di tanta serenità. 

Il Sindaco di Umbertide - Giampiero Giulietti

Caro amico,

torno a tuffarmi, come nelle edizioni passate, nel cuore delle più autentiche tradizioni. Ti parlo della nostra cucina, aspetto fondamentale della comunità frattigiana prima e umbertidese poi. Ti racconto di come si mangiava cinque secoli fa e nell’Ottocento; dei cibi ancora preparati negli scorsi anni Cinquanta e Sessanta, oggi quasi scomparsi per i mutati ritmi di vita. Ti descrivo la cucina povera, quando si doveva trarre il meglio da pochi ingredienti: il mijaccio, la torta “mischia”, il “brustengo”, i budelli di maiale, la scannatura d’oca. E quella delle grandi occasioni, quando le più rinomate cuoche erano chiamate a preparare i pranzi dei matrimoni, dei battesimi, delle animate battiture: la Palma del Vilano, l’Armida del Colle, la Peppa Cipriani, la Cascandella. Ti ricordo tanti personaggi che ruotavano attorno al mondo del cibo: i gestori dei pochi ristoranti, Tassi e ‘l Sor Emilio, la Genoveffa a Pierantonio; le osterie dei vicoli che preparavano gustosi manicaretti, le Balille, la Lisetta, Stéfine, Trivilino. E poi gli ortolani, le “lattarole”, i fornai, i macellai, i “pollaroli”, il “pesciarolo” Gasparone che veniva da Fano. 

Un mondo antico e variopinto, pieno di odori, che potrai ritrovare e gustare nelle mie pagine ricche di immagini e ricette. Prova a prepararne qualcuna: ti ci vorrà tempo e impegno, ma ritroverai antichi sapori di un tempo che rischiano di scomparire. Ti auguro buon appetito, e soprattutto Buon Anno.

 

Il Calendario  

 Leggi o scarica il Calendario in formato Pdf

Calendario di Umbertide 2013 (3.180kB - PDF)