Regione Umbria

Borgo medioevale di Preggio

Ultima modifica 18 febbraio 2020

Antico borgo a 638 m. di altezza circondato da una ricca vegetazione e da boschi che ne fanno un luogo di villeggiatura per chi ama un ambiente naturale incontaminato e la quiete della collina umbra.

La Rocca di Preggio,per la sua posizione dominante, era considerata tra le più importanti del territorio Perugino e dell'Alta valle del Tevere. Esisteva già nel 917, anno in cui l'imperatore Berengario I confermò la signoria di Preggio al marchese Uguccione II dei Bourbon. Oltre ai resti della rocca sono da vedere la chiesa della S.S.Trinità in San Francesco (1223) che conserva un reliquario d'argento dorato che custodisce una “Sacra Spina” esposta il martedì di Pasqua e la chiesa della Madonna delle Grazie (1400) che racchiude un delizioso altare di stile rinascimentale e un affresco attributo al Pinturicchio. Da Preggio si può proseguire per il Lago Trasimeno che si scopre dalla Pineta di Col di Campana in uno scenario di suggestiva bellezza.

Oltre che per le sue bellezze ambientali, Preggio è conosciuto anche per il "Preggio Music Festival", prestigioso appuntamento con la musica sacra, da camera e con l'opera lirica, organizzato nei mesi di luglio e agosto dall'associazione "Amici della Musica" in collaborazione con la parrocchia S.S. Trinità di Preggio e giunto alla XXIX edizione. Altre iniziative importanti che accolgono ogni anno centinaia e centinaia di visitatori sono la “Sagra della castagna” e “Preggio nel tempo” organizzate dalla Pro-loco Preggio.

 * * *

The anciente village of Preggio
Ancient village, 638 metres above sea level surrounded by lush greenery and woods, making it an ideal holiday spot for those who love nature and the quiet Umbrian hillside.

The Fortress of Preggio, owing to its position, was considered one of the most important in the territory of Perugia and the upper Tiber valley. It already existed in the year 917, when the Emperor Berengar I confirmed the Lordship of Preggio on the Marquis Uguccione II of Bourbon.

Besides the remains of the fortress, the church of the Madonna delle Grazie (1400) – housing a remarkable Renaissance-style Altar and a fresco ascribed to Pinturicchio – and the church of the Holy Trinity in San Francesco (1223), are also worth visiting. The latter is home to a golden silver reliquary, which preserves a “Holy Thorn” put on display on Easter Tuesday. From Preggio the road leads to Lake Trasimeno, of which a very evocative glimpse can be caught from the pinewood of Col di Campana.
 Preggio is also renown for its “Preggio Music Festival”, prestigious holy music, chamber music and opera event organized in July and August by the association “Amici della Musica” in collaboration with Peggio’s parish of Ss. Trinità (Holy Trinity), “Preggio nel tempo” and the “Sagra della castagna” (Feast of the chestnut) organized by the local Pro Loco.

LA VISITA A PREGGIO DEL CARDINALE RONCALLI E IL RICORDO DEGLI EX ALUNNI DELLA COLONIA:

La visita del cardinale Roncalli - 60 anni dopo (2.623kB - PDF)

Preggio il taglio del Bosco

Antico borgo medioevale di Preggio