Regione Umbria

Coronavirus, il buon senso prima di tutto

Pubblicato il 8 marzo 2020 • Emergenza

RACCOMANDAZIONI

→ Si invitano tutti gli umbertidesi di rientro dalle zone rosse (indicate nel Dpcm dell'08/03/2020) a segnalarsi al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta. Si consiglia inoltre di valutare la possibilità di sottoporsi ad un isolamento volontario presso il proprio domicilio.

→ Si raccomanda a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità, ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora, fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non si mantenga la distanza interpersonale di un almeno un metro

SOSPENSIONI

→ Delle manifestazioni, degli eventi e degli spettacoli di qualsiasi natura, inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico che privato

→ Delle attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione

→ Delle aperture di musei e degli istituti e luoghi della cultura

→ Delle cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri

→ Delle competizioni sportive ed eventi sportivi di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo sia pubblico che privato aperti al pubblico

RISPETTO DISTANZA DI SICUREZZA

→ Ristorazione e bar, con obbligo a carico del gestore di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell'attività

→ Esercizi commerciali diversi da ristorazione e bar, all'aperto e al chiuso, con obbligo a carico del gestore di adottare misure che evitino sovraffollamenti e una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro

→ Apertura dei luoghi di culto condizionata da misure che evitino assembramenti tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche del luoghi e che assicurino una distanza interpersonale di almeno un metro

→ Nello sport di base e nelle attività motorie in genere svolte all'aperto o all'interno di palestre, piscine e centri sportivi si deve rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di un metro