Regione Umbria

Alla Rocca-Centro per l'arte contemporanea la mostra “Katà Métron, una misura per tutte le cose”

Pubblicato il 21 ottobre 2020 • Cultura

Dal 24 ottobre all'8 novembre la Rocca-Centro per l'arte contemporanea ospita la mostra “Katà Métron, una misura per tutte le cose” dell'artista Gabriele Tognoloni.

L'esposizione, curata da Cesare Coppari, mette in mostra il percorso di ricerca sviluppato dell’artista eugubino Gabriele Tognoloni durante e dopo la forzata clausura del lockdown con opere in ceramica e grafiche.

Si parte dalle sculture in paper clay e dalle incisioni per giungere alle più recenti maioliche e grafiche. Una esplorazione ricchissima di proposte tecniche e materiche tutte volte a dare forma al corpo umano.

È questo l’unico soggetto della mostra, e che ne giustifica il titolo. Dove il corpo è classicamente inteso come misura di tutte le cose, e dunque anche di quella cosa tra le cose del mondo che è il corpo umano stesso.

Ma dove anche il corpo delle opere di Gabriele Tognoloni esce dai canoni classici di perfezione, equilibrio e armonia per trovarne di propri attraverso un tragitto espressivo tanto breve nel tempo quanto produttivo negli esiti, capace come è di giungere a rappresentazioni così essenziali che della figura umana sembra non esservi niente, quando in realtà di essa non manca nulla.

“Katà Métron, una misura per tutte le cose” è patrocinata dal Comune di Umbertide. L'apertura ufficiale della mostra è fissata per le 17.30 di sabato 24 ottobre. L'esposizione sarà visitabile seguendo tutte le disposizioni anticontagio dal martedì alla domenica, compresi i giorni festivi, dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 18.30. Chiusa il lunedì.